Tag Archives: mexico

Cimitero alieno in Messico

21 Gen

In questi giorni, ho ricevuto diversi messaggi che mi chiedevano di esprimere la mia opinione su un curioso ritrovamento avvenuto in Messico. In realta’, si tratta di una notizia di fine dicembre, ma visto l’interesse, e soprattutto la speculazione avvenuta, credo sia interessante raccontarvi questa vicenda.

Veniamo prima di tutto alla notizia.

Uno dei teschi ritrovati nel cimitero messicano

Uno dei teschi ritrovati nel cimitero messicano

In Messico, e precisamente nel piccolo villaggio di Onavas, e’ stato ritrovato un piccolo cimitero, a detta degi archeologi, risalente a circa 1000 anni fa, contenente 25 corpi. Cosa c’e’ di strano in questo avvenimento? Dei 25 corpi, 5 presentavano delle mutilazioni dentarie, mentre altri 13 avevan0 forme del cranio decisamente “strane”.

Guardando la foto riportata, non credo ci sia bisogno di dire il perche’ questo ritrovamento sia stato tanto pubblicizzato, ma soprattutto a cosa si e’ pensato, in rete.

Come vedete, i crani dei 13 corpi incriminati presentavano una scatola ossea molto allungata e le orbite oculari molto strette. Anomalie invece non riscontrate negli altri corpi rinvenuti nel sito in questione.

Molti siti hanno parlato di un cimitero alieno. Per essere precisi, il fatto di aver trovato nello stesso luogo di sepoltura corpi certamente umani e questi, a detta di alcuni, alieni, ha consolidato la tanta amata ipotesi che razze extraterrestri abbiano visitato in passato il nostro pianeta, integrandosi e convivendo per un certo periodo con gli abitanti del luogo.

Cosa c’e’ di vero in tutto questo? Possibile che si tratta di corpi alieni?

Anche in questo caso, la risposta e’ ovviamente “no”. La notizia e’ reale, archeologicamente parlando, ma sono false le conclusioni a cui si e’ cercato di arrivare in rete.

Vediamo il perche’.

I 13 corpi incriminati, sono in realta’ perfettamente umani. La particolare forma del cranio osservata e’ dovuta ad una tecnica di deformazione ossea utilizzzata in passato da diverse civilta’.

Perche’ si ricorreva a queste deformazioni, non e’ in realta’ univoco. Diverse popolazioni utilizzavano queste tecniche per scopi diversi. In alcuni casi per la ricerca di un canone di bellezza del tempo. In altri casi, soprattutto per le deformazioni del cranio, si pensava che modificando la testa in questo modo si potesse aumentare l’intelligenza dell’individuo. In altri casi ancora, le deformazioni indicavano l’appartenenza ad una determinata casta o ad un particolare status sociale. Come vedete, non esiste una motivazione unica, per le diverse civilta’, per spiegare il perche’ di queste deformazioni.

Veniamo al dunque, concentrandoci sulle deformazioni craniche chiamate in causa in questo articolo.

Il cranio puo’ essere deformato in vari modi. Si puo’ ricorrere a stretti bendaggi per la compressione uniforme della testa, oppure aiutarsi mediante tavolette legate molto strette. In questo secondo caso, si possono ottenere anche effetti asimmetrici, come ad esempio una fronte molto alta, i lati della testa schiacciati o forme simili a cubi.

Tutte queste deformazioni vengono fatte su neonati prima che si chiudano le fontanelle craniche. In questo modo, le ossa del cranio non sono ancora perfettamente formate e risultano piu’ morbide e modificabili.

Perche’ questo ritrovamento non sorprende? Semplicemente perche’ le popolazioni precolombiane erano solite praticare deformazioni ossee. Per darvi un’idea, il piu’ antico cranio deformato, rinvenuto sempre in centro America, e precisamente in Peru’, risale a circa 8500 anni fa, dunque molto prima della datazione del cimitero di Onavas. Questo per farvi capire quanto e’ antica questa tecnica.

Esistono decine di ritrovamenti tra Messico, Guatemala, Peru’, ecc di luoghi di sepoltura in cui sono stati rinvenuti corpi con ossa deformate artificialmente. Pensate che esistono dei cimiteri in cui fino al 90% dei corpi presentavano deformazioni piu’ o meno evidenti.

Per chi volesse approfondire questi concetti, la distinzione tra le diverse deformazioni, ma anche le diverse tecniche utilizzate per provocarle, vi segnalo una pagina molto interessante, spero non per attuare le tecniche, creata dall’Universita’ di Padova per il Centro di Ateneo per i Musei:

UniPD Deformazioni

Come anticipato, molti altri popoli utilizzavano le deformazioni craniche, insieme anche ad altri tipi di “segnatura” artificiale. Per farvi un esempio, il popolo barbaro degli Unni era solito ricorrere alle deformazioni craniche, molto probabilmente, per evidenziare i giovani destinati al sacerdozio.

Deformazioni del cranio utilizzate in Congo

Deformazioni del cranio utilizzate in Congo

In alcuni casi, secondo la cultura o il popolo, le deformazioni craniche venivano anche associate a tatuaggi, piercing o anche mutilazioni di alcune parti del corpo, sempre per indicare uno status sociale o anche per una prova di coraggio dell’individuo.

Al giorno d’oggi, presso alcune popolazioni soprattutto africane, ancora si ricorre alla deformazione del cranio, principalmente per fini estetici. La tribu’ dei Mangbetu, in Congo, e’ solita ricorrere a queste tecniche utilizzando, come visibile nella foto, delle strette bende applicate ai neonati al fine di allungare simmetricamente il cranio.

Concludendo, non c’e’ assolutamente niente di particolare nel ritrovamento avvenuto in Messico. Specifichiamo che questa scoperta e’ molto importante dal punto di vista antropologico e archeologico, si tratta di un cimitero risalente a circa 1000 anni fa delle civilta’ occupanti l’area centro americana. I corpi ritrovati pero’ sono tutti di natura umana. Come mostrato nell’articolo, non sorprende affatto l’aver ritrovato corpi deformati dal momento che tecniche di questo tipo erano spesso utilizzate in epoche e luoghi diversi per scopi altrettanto vari. Ancora oggi, in alcune piccole popolazioni, si ricorre a deformazioni artificiali delle ossa del corpo.

Quello che ha caratterizzato questa notizia, e’ stata solo l’enorme pubblicita’ fatta sulla rete da tantissimi siti. Il perche’ di questo? Come detto all’inizio, il ritrovamento e’ stato fatto intorno alla fine di Dicembre, dunque in concomitanza con la fine del calendario Maya di cui spesso abbiamo parlato. La notizia in questione e’ stata solo pubblicizzata al fine di aumentare l’interesse della gente, incrementando la tanta confusione creata appositamente in rete.

 

 

 

Psicosi 2012. Le risposte della scienza”, un libro di divulgazione della scienza accessibile a tutti e scritto per tutti. Matteo Martini, Armando Curcio Editore.

 

Breve aggiornamento su “Las dos Aguilas”

15 Dic

In prossimita’ del 21/12, ci siamo “divertiti” a vedere come la psicosi 2012 stia dilagando in diverse parti del mondo. In particolare, abbiamo parlato di Russia, Spagna, Australia, ma anche della nostra cara Italia:

21 Dicembre: fenomeno italiano?

Il 21/12 in Australia

Russia, Medvedev tranquillizza i suoi!

E in Spagna?

Ancora non avete prenotato?

Tra ieri e oggi pero’, sulla rete, si e’ iniziato a parlare insistentemente anche di un piccolo villaggio costruito in Messico, chiamato “Las dos Aguilas”.

Come forse ricorderete, abbiamo gia’ parlato di questo vilaggio in un precedente post:

Dove trascorrere il 21 Dicembre

Come potete leggere, si tratta di un agglomerato di strutture costruito vicino al villaggio di Xul, appunto in Messico, da circa 80 persone di origine italiana.

Perche’ si e’ tornati a parlare di questa soluzione?

Semplice, qualche simpatico sito web ha deciso di rilanciare la notizia dicendo che questi italiani trasferiti in Messico, in realta’ sono una comunita’ di persone di spicco, molto famose nel nosro paese, e tra loro ci sarebbero anche degli scienziati, soprattutto astrofisici. Il solito copia/incolla che imperversa in rete ha fatto da cassa di risonanza.

Come potete capire bene, l’idea che un gruppo di “addetti ai lavori” si sia spostato in Messico, all’interno di strutture rinforzate, non puo’ che alimentare il sospetto, in primis verso la scienza, ma soprattutto verso questa fine del mondo annunciata per il 21 Dicembre.

Cosa c’e’ di vero in questa notizia? Assolutamente nulla.

Come visto nel precedente articolo, il villaggio di “Las dos Aguilas” e’ realmente stato costruito da un gruppetto di circa 80 persone di origine italiana, ma non si tratta assolutamente di scienziati.

Queste persone fanno parte di un’associazione detta “Quinta essencia”, nata con scopi ecologisti per il ristabilimento del corretto equilibrio ambientale sulla Terra. Per dirla tutta, questo e’ il motivo di facciata. In realta’ si tratta di qualcosa molto simile ad una setta. In rete trovate pochissime informazioni su questa associazione, le uniche notizie certe le potete trovre andando a studiare i quotidiani locali, ovviamente in lingua spagnola:

La Republica, Xul

Prima di tutto, solo per chiarire dei punti, il villaggio e’ costituito da una quarantina di “edifici”, molto simili a ville. Come riportato in rete, e come detto nel precedente articolo, l’abitato e’ integrato da una fitta rete di gallerie sotterranee dotate di tutti i sistemi di sicurezza e di controllo: ricambio d’aria, filtri, generatori di corrente e camminatoi tra le abitazioni. Le ville stesse presentano un apparente esterno residenziale, ma avrebbero muri spessi oltre 50 cm con vetri rinforzati, che le rendono molto simili a bunker camuffati da ville.

Come anticipato, e’ molto difficile trovare informazioni sui siti italiani o immagini della struttura. Le uniche foto possono essere prese da Google Maps.

Questa e’ la zona, con il vicino villaggio di Xul:

Il villaggio di Xul con Las dos Aguilas

Il villaggio di Xul con Las dos Aguilas

Nel cerchietto rosso, c’e’ il villaggio fortezza.

In questo zoom, vedete il villaggio di Las dos Aguilas, con il laghetto artificiale di cui parlavamo nell’altro post:

Las dos Aguilas con il laghetto artificiale

Las dos Aguilas con il laghetto artificiale

Ovviamente non esiste uno street view della zona, ma solo una foto visualizzabile su maps:

Una foto di Las Dos Aguilas

Una foto di Las Dos Aguilas

Come vedete la struttura e’ molto simile ad un complesso residenziale.

Ora, come anticipato, si tratta di un’associazione con un carattere molto simile ad una setta. Al contrario di quanto si legge in rete, dove si vuole far credere che la popolazione locale sia preoccupata di quanto sta accadendo, i locali sono ben felici di questo insediamento. La costruzione del villaggio sta dando lavoro a tantissime persone vista l’enorme quantita’ di manodopera richiesta per la realizzazione.

Inoltre, non e’ assolutamente vero che questo gruppo di persone si e’ stabilito nella zona in vista del 21/12. Come riportato dalla stampa locale, il gruppo occuperebbe la zona dal 1993. Nello stesso anno, con l’ausilio di altre associazioni ecologiste, avrebbero creato l’associazione “Quinta essencia”. Per dirla tutta, solo l’origine di queste persone e’ italiana, dal momento che, sempre nel 1993, hanno ottenuto la cittadinanza messicana dal dipartimento per l’immigrazione:

Mexico, Notizie Yahoo

Su alcuni quotidiani, si evince anche lo spirito ecologista di cui parlavamo. Il gruppo sarebbe molto riservato e solo una volta a settimana manderebbe una delegazione nei paesi vicini per acquistare provviste. All’interno dell’area del villaggio sarebbero stati sistemati anche alcuni bovini, per tendere all’autonomia alimentare e alla sopravvivenza.

Ovviamente, anche gli operai locali chiamati a lavorare avrebbero il vincolo di non divulgare le notizie e la struttura interna del villaggio. Ma come accade spesso, le notizie poi trapelano sui giornali.

Come vedete, stiamo parlando di una vera e propria setta per niente legata alla scienza. Non cedete al complottismo dilagante in rete soprattutto in questi ultimi giorni.

Per analizzare scientificamente le profezie del 2012, ma soprattutto per imparare a difendersi dalla false notizie che tovate in rete, non perdete in libreria ”Psicosi 2012. Le risposte della scienza”.