Marte: pietra che rotola o misterioso Yeti?

17 Giu

In questi giorni, molti siti catastrofisti si stanno sbizzarrendo parlando nuovamente di Marte. Come sapete bene, visto anche il grande numero di sonde in orbita e sulla superficie, ci sono tante persone che passano le giornate a sfogliare le foto rese pubbliche dalla NASA per trovare un’evidenza di qualcosa di anomalo sul pianeta rosso. In tal senso, nei mesi scorsi, in rete ci hanno deliziato con tantissime osservazioni fatte su Marte: una moneta, un topo, monoliti, villaggi abbandonati. Ovviamente la fantasia galoppa sempre troppo velocemente.

Questa volta poi, devo dire che si sono veramente superati.

Come anticipato, si sta molto discutendo sulla rete riguardo a delle nuove foto che mostrerebbero delle tracce lasciate sul terreno marziano da pietre che hanno rotolato. Ora, se questo avvenisse sulla Terra, nessuno salterebbe dalla sedia, ma avere una pietra che misteriosamente rotola su Marte e’ una notizia diversa.

Eccovi una delle tante foto che trovate:

Una delle foto della superficie di Marte con l'evidenza del solco

Una delle foto della superficie di Marte con l’evidenza del solco

Come vedete, si vede una lunga scia sul terreno, lasciata da quella che potrebbe essere stata una pietra che improvvisamente si sia messa a rotolare. Perche’ questo sarebbe avvenuto? Come potete facilmente immaginare, si e’ subito iniziato a parlare di forme di vita sul pianeta rosso. Addirittura, e purtroppo non sto scherzando, uno dei piu’ seguiti siti complottisti italiani ha parlato di un misterioso Yeti che vivrebbe su Marte. Ecco un estratto del loro articolo:

Alcuni ricercatori e appassionati dicono che si possa trattare delle tracce di una creatura aliena sconosciuta, come un ‘yeti marziano’.

Alcuni ricercatori? Ma dico, stiamo scherzando? Leggendo notizie di questo tipo, mi sorprende veramente come siti di questo tipo possano essere cosi’ seguiti. Ma, a volte, purtroppo, de gustibus non disputandum est.

Cosa ha lasciato questi solchi?

In realta’, la risposta e’ piu’ semplice, ma non meno affascinante, di quella data. Questa strane scie che si vedono sulla superficie di Marte sono lasciate dai cosiddetti “Dust Devil”. Questi altro non sono che turbini di sabbia che si formano sul pianeta e di cui avevamo parlato in questo articolo precedente:

Tornando di Fuoco in Australia

Come visto, si tratta di fenomeni conosciuti anche sulla Terra e che si formano a causa del gradiente termico che tende a creare piccoli turbini di sabbia e polvere. Il meccanismo di formazione e’ estremamente semplice come riportato anche nell’articolo precedente:

Meccanismo di formazione di un Dust Devil

Meccanismo di formazione di un Dust Devil

In tal senso, i dust devil sono molto diversi dai tornado dal momento che questi fenomeni possono avvenire anche in condizioni di cielo perfettamente sereno ed in assenza di nubi.

Ora, i dust devil sono un fenomeno noto e molto frequente anche su Marte. Esistono diverse prove catturate proprio dalle sonde sulla superficie del pianeta, che mostrano il passaggio di questi diavoli di sabbia.

Questa e’ una sequenza di immagini catturate da Spirit nel 2005 e che mostra proprio per intero il passaggio del turbine:

Un dust devil osservato in diretta sulla superficie marziana

Un dust devil osservato in diretta sulla superficie marziana

Se la sequenza non dovesse essere visibile,basta cliccare per vederla.

Dagli archivi NASA trovate anche altre immagini, tipo questa:

Un dust devil che procede non in linea retta

Un dust devil che procede non in linea retta

che addirittura mostrano l’avanzare di un dust devil non in linea retta, ma seguendo una sorta di traiettoria a serpentina.

A questo punto, e’ ovvio come guardando dall’alto la superficie di Marte, si possano trovare con estrema facilita’ i segni lasciati dal passaggio di questi turbini.

Concludendo, i dust devil sono un fenomeno molto noto su Marte e di cui esistono prove fotografiche dirette. Detto questo, e’ del tutto comprensibile vedere segni sulla superficie lasciati dal passaggio di questi turbini. Quello che invece trovo assurdo, anzi scusatemi trovo assurde due cose correlate tra loro, la prima e’ che ci siano siti internet che parlino di Yeti su Marte, mentre la seconda e’ che di fronte all’assurdita’ di queste affermazioni, ci siano tante persone che discutono di questa affermazione. Quest’ultimo punto e’ quello che mi fa maggiormente riflettere!

 

Psicosi 2012. Le risposte della scienza”, un libro di divulgazione della scienza accessibile a tutti e scritto per tutti. Matteo Martini, Armando Curcio Editore.

Annunci

37 Risposte to “Marte: pietra che rotola o misterioso Yeti?”

  1. Giada giugno 17, 2013 a 3:08 pm #

    Matteo ricordi che tempo fa ti ho parlat della lettere del politico norvegese che circola su web datata 2007? L hai letta?Cosa ne pensi? Si tratta veramente di un politico norvegese? E soprattutto l hanno mai smentita questa lettera? Grazie ma dopo che ho letto questa lettera mi sono terrorizzata di nibiru

    • psicosi2012 giugno 17, 2013 a 3:24 pm #

      Certo che lo ricordo e ricordo benissimo che sia io che Renato ti avevamo risposto a riguardo. Il famoso bunker, non solo esiste, ma lo conoscono tutti. In rete e’ pieno di reportage fatti da giornalisti portati in visita all’interno. Cosa c’e’ di misterioso? Assolutamente nulla!

      Matteo

      • Giada giugno 17, 2013 a 4:42 pm #

        Quindi non è veramente un politico norvegese l autore della lettera? A parte il bunker che ho letto sul web che serve x la conservazione dei semi ed e nn è fatto segretamente, cosa ne pensi del resto della lettera? È agghiacciante leggerla

      • psicosi2012 giugno 17, 2013 a 8:33 pm #

        Assolutamente nessun politico norvegese. Soilo un simpatico burlone telematico!

        Matteo

  2. Giada giugno 17, 2013 a 8:49 pm #

    Matteo un ultima riflessione, ammettiamo che questo pianeta esist veramente…ci sarebbero gravi conseguenze anche per la terra o solo solo gli altri pianeti a subire anomalie?

    • psicosi2012 giugno 17, 2013 a 8:58 pm #

      Giada, per favore, LASCIA PERDERE. Non ti rispondo, ti stai solo facendo del male. IL PIANETA NON ESISTE, LO VUOI CAPIRE? Sulla rete ci sono centinaia di siti che aspettano solo di approfittarsi di persone come te per far continuare questa tiritera su nibiru. Perche’ ti ostini a crederci? Hai mai visto una prova reale? No, solo supposizioni, illazioni, fantasie. Noi ti abbiamo risposto con i numeri e le prove. Tu ci credi che io volo? No, pero’ a Nibiru ci pensi. Perche’?

      Matteo

      • psicosi2012 giugno 17, 2013 a 9:28 pm #

        Ovviamente il mio non è uno sfogo verso di te, cara Giada. È solo uno sprone per cercare di farti ragionare e farti uscire da questo assurdo tunnel nel quale ti sei infilata.

        Matteo

  3. Giada giugno 17, 2013 a 9:56 pm #

    Lo so matteo, e nn so come ringraziarti…ma in questo momento mi fido solo di te x questo ti stresso in continuazione! Ti prometto che nn ti faccio piu domande però rispondimi a quest ultima x favore 😉

    • psicosi2012 giugno 18, 2013 a 4:35 am #

      Se questo pianeta ci fosse, farebbe, con il sistema solare, lo stesso effetto di una palla da bowling contro i birilli. In base alla forza della palla, in questo caso massa e parametro d’urto, sposterebbe più o meno pianeti.

      Matteo

      PS mi sembra chiaro che ce ne accorgeremmo

      • Giada giugno 18, 2013 a 5:05 am #

        Io volevo sapere se ci sarebbero conseguenze anche x la terra? Oppue è protett dalla forza gravitazional del sole?

      • psicosi2012 giugno 18, 2013 a 5:37 am #

        La terra subirebbe gli stessi effetti di un qualsiasi altro pianeta. Come detto, il tutto dipenderebbe dall’orbita del pianeta.

        Matteo

  4. Renato giugno 18, 2013 a 6:36 am #

    Caro Matteo,
    Lo yeti marziano… Certo, avrà fatto l’autostop con gli annunaki. La fantasia a certe persone non manca, consiglierei di scrivere racconti di fantascienza.
    Buona giornata.
    Renato.

    • psicosi2012 giugno 18, 2013 a 7:54 am #

      Quando la gente ha troppo tempo libero 😉

      Matteo

  5. Giada giugno 18, 2013 a 7:20 am #

    Cavoli quindi moriremo tutti? O ci sarebbe possibilità di salvezza?

    • psicosi2012 giugno 18, 2013 a 7:53 am #

      Non morirà assolutamente nessuno. Calmati, respira e prima o poi riderai delle cavolate che raccontano 😉

      Matteo

  6. Giada giugno 18, 2013 a 8:10 am #

    Quindi supponendo che esisti questo pianeta,cosa succederebbe al nostro pianeta? Terremoti inversione dei poli tsunami….oppure altro? È l ultima domanda e poi sparisco come l altra volta x un po di tempo 😀

  7. Giada giugno 18, 2013 a 12:35 pm #

    Mateo ho telefonato a 5 osservatori astronomici per chiedere di nibiru , tutti e 5 mi hanno risposto dicendomi che non esiste affatto e che è solo una balla portata avanti da certi siti catastroficia! Finalmente l ho capito che nn esiste….adesso l ultimo dubbio da togliermi è la profezia di malachia sull ultimo papa! Che mi dicia?

    • psicosi2012 giugno 18, 2013 a 1:04 pm #

      Quando te lo dico io no? 🙂

      Per Malachia, ne abbiamo parlato decine di volte e ho scritto almeno 4 o 5 articoli.

      Ti rimane solo da chiamare in Vaticano!

      Matteo

      • Giada giugno 18, 2013 a 1:25 pm #

        :D:D se mi trovi il numero lo chiamo! Al 100% è una bufala la profezia sui papi?

  8. Patrizia giugno 18, 2013 a 2:14 pm #

    Se chiamassi in Vaticano ti risponderebbero analogamente che la profezia in questione è una bufala portata “in auge” da chi del catastrofismo ha fatto un business, approfittando del sentimento di angoscia che pervade in questo periodo la mente collettiva.

  9. Giada giugno 18, 2013 a 6:41 pm #

    Matteooo…la profezia dei papi è una bufala al 100%? E dopo chiudiamo il discorso su tutto 😀

    • psicosi2012 giugno 18, 2013 a 7:05 pm #

      Giada non è cattiveria, te l’ho già detto decine di volte. Usa la funzione ricerca e trovi tutte le risposte alle tue domande.

      Matteo

  10. Giada giugno 18, 2013 a 8:31 pm #

    Matte scusa ma mi collego col cellulare e sopra non mi fa vedere nessun motore di ricerca! Volevo solo sapere se al 100% si tratta di una bufala! Nient altro…grazie lo stesso cmq

    • psicosi2012 giugno 18, 2013 a 8:33 pm #

      Anche io mi collego spesso col cellulare e a fianco al tasto menù, c’è cerca,

      Comunque è una bufala.

      Matteo

      • Daniel giugno 18, 2013 a 10:34 pm #

        CE N’EST PAS POSSIBLE…….PARBLEU …..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      • Mirko giugno 18, 2013 a 11:12 pm #

        Ciao Matteo, scusa la domanda fuori programma ma sono un po’ curioso perché i terremoti arrivano verso sera o spesso di notte o mattina presto? È coincidenza o semplicemente perché siamo più rilassati e quindi effettivente lo sentiamo o esiste una qualche relazione con il mondo” notturno” e poi prova a leggere sto articolo http://www.leggo.it/NEWS/ITALIA/allerta_terremoto_mucciarelli_italia_sud/notizie/293713.shtml e fammi sapere cosa ne pensi, io sono abbastanza scettico anche perché vivo al nord però mi sembra un po’ azzardata come previsione, attendo tue nuove

      • psicosi2012 giugno 19, 2013 a 12:37 am #

        Caro Mirko,
        il giornale da te linkato, negli ultimi tempi, e’ divenuto un vero e proprio ricettacolo di notizie catastrofiste. Se solo si pensa al 21/12/2012 e ai tanti articoli pubblicati da questo giornale, c’e’ da farsi drizzare i capelli.

        Il discorso statistico per i terremoti e’ molto utile e spesso, anche qui, lo abbiamo utilizzato per renderci conto della situazione e per stilare delle tabelle utili soprattutto per verificare l’eventuale aumento di sismi.

        Detto questo, la statistica non puo’ di certo essere utilizzata per fare delle previsioni. Come sappiamo bene, possiamo utilizzare la statistica per tante cose, ma i terremoti non sono assolutamente dei fenomeni che sottostanno a parametri statistici. Dire che si e’ visto un terremoto ogni 15 anni, significa che in media questo e’ avvenuto. Ora, con che incertezza? Con che deviazione standard?

        Ti faccio un esempio facile. Prendiamo una variabile qualsiasi che possa assumere valori numerici. Una volta esce 1, una volta 9. La media e’ 5. Ora, supponiamo che questi siano anni tra un sisma e l’altro. Dopo 5 anni dovrebbe arrivare un sisma? Assolutamente no. Una volta e’ capitato dopo 1 anno, l’altra dopo 9. Questo e’ un caso di media con dispersione molto grande, cioe’ con scarti tra le singole entrate e la media anche molto notevoli. Nell’articolo non si danno informazioni aggiuntive sul calcolo della media. Dare questo valore e basta, non serve a nulla.

        Come detto tante volte, la statistica e’ una scienza molto utile, ma mai fare l’errore di utilizzare queste stime per fare delle previsioni sui terremoti.

        Solo una cosa e’ giustissima nell’articolo, non farci cogliere impreparati. Come diciamo spesso, l’Italia e’ una terra a rischio sismico. Bene, facciamo opera di prevenzione sugli edifici, cerchiamo, qualora arrivasse un terremoto, di non far crollare intere citta’. Questa e’ sicuramente la mossa migliore che potremmo fare per evitare tanti danni a persone e cose.

        Grazie mille per l’interessante segnalazione.

        Matteo

      • psicosi2012 giugno 19, 2013 a 12:41 am #

        Riguardo invece al discorso giorno/notte, dagli archivi non si evidenzia assolutamente una correlazione tra terremoti di forte intensita’ e sismi.

        Come hai giustamente detto, la percezione notturna e’ alterata perche’ spesso i terrmoti causano bruschi risvegli. Inoltre, un sisma che arriva di notte, e che dunque coglie la popolazione durante il riposo, potrebbe essere piu’ letale proprio per la scarsa mobilita’ dei piu’.

        Credo che il discorso sia molto interessante e che meriti un approfondimento specifico in un post. La tua osservazione e’ la stessa che fanno molte altre persone, per cui credo che sia il caso di smentire questa credenza.

        Graze mille dell’ottimo suggerimento,
        Matteo

  11. Patrizia giugno 19, 2013 a 12:13 pm #

    Ho letto l’articolo in questione. Avevo già letto la notizia sul sito di FOCUS e immaginavo che ne avremmo discusso qui:-) La statistica è utile per creare dei modelli fisici di riferimento ma la Natura è molto più complessa dei nostri calcoli. Prendiamo per esempio il Vesuvio. La sua ultima eruzione risale al 1944, dunque il vulcano è in una fase di quiescenza da molto tempo. La statistica dice che più passa il tempo più aumentano le probabilità di un’eruzione. Ma nessuno può dire con esattezza quando accadrà. Tutti i ragionamenti sulle probabilità che un evento distruttivo si verifichi devono essere finalizzati alla mitigazione del rischio (sismico o vulanico) che, a differenza della pericolosità, è correlato al fattore antropico. Contro i terremoti, soprattutto, l’unica arma vincente è la prevenzione. Purtroppo, anche se l’Italia è una terra geologicamente “vivace”, non c’è nel nostro Paese la mentalità adeguata per la prevenzione e la protezione dagli eventi catastrofici. Basti fare un gita alle falde del Vesuvio per rendersi conto di questo: più di 700000 persone vivono in un territorio che è una bomba ad orologeria! E dopo il terremoto dell’Irpinia, siamo sicuri che la ricostruzione si avvenuta seguendo precise norme antisismiche? Ho qualche dubbio al riguardo….

    • Importante giugno 19, 2013 a 7:43 pm #

      Come mai quindi il big One e previsto entro 30 anni?! Grazie

      • Renato giugno 19, 2013 a 7:49 pm #

        Scusa se mi intrometto.
        Si parla sempre di base statistica. Per farti un esempio banale, se negli ultimi mille anni in una verta zona ci sono stati

      • Renato giugno 19, 2013 a 7:59 pm #

        Scusa, mi é “partito” un commento.
        Dicevo che se negli ultimi mille anni ci sono stati 10 terremoti catastrofici, la statistica dice che ogni cento anni ce ne sarà uno, con un margine chen non é statisticamente quantificabile. Il Big One, é statisticamente in ritardo, ma non si può dire quando avverrà. Per certo deve accadere, ma é come azzeccare un estratto secco al lotto…. Si, deve uscire, prima o poi uscirà… Magari con 200 estrazioni di ritardo con una statistica media di 15 standard.
        Forse non sono stato chiaro, ma spero che il senso si capisca.
        Renato.

      • psicosi2012 giugno 20, 2013 a 1:54 am #

        chiarissimo come sempre. Sia il tuo commento che quello di Patrizia credo che rispondano perfettmente alle domande fatte.

        Matteo

  12. Importante giugno 20, 2013 a 9:47 pm #

    Chiaro perché sto preparando l’esame di statistica;) quindi nel passato c’e già stato un cosiddetto big One?!avevo sentito parlare di energia elestica accumulabile!grazie

    • psicosi2012 giugno 20, 2013 a 10:04 pm #

      Sicuramente in passato ci sono stati altri grandi eventi in zona. Dal momento che tutto il nord America e’ stato popolato in tempi recenti, non esiste una vera e propria memoria storica. Molte tribu’ di nativi americani, utilizzavano tramandarsi le conoscenze a voce. Questo, necessariamente, porta ad una dispersione delle informazioni.

      Caso analogo, sia per potenza che per posizione, e’ quello della Cascadia di cui abbiamo parlato in questo post:

      https://psicosi2012.wordpress.com/2013/06/10/cascadia-e-tsunami-orfano/

      Coem raccontato, solo in tempi recenti e’ stato possibile identificare con certezza un sisma avvenuto nel passato. La stessa cosa potrebbe essere accaduta in California.

      Matteo

Trackbacks/Pingbacks

  1. Marte: pietra che rotola o misterioso Yeti? | Pianetablunews - giugno 18, 2013

    […] Fonte: https://psicosi2012.wordpress.com/2013/06/17/marte-pietra-che-rotola-o-misterioso-yeti/ […]

  2. Lampioni alieni su Marte | psicosi2012 - aprile 11, 2014

    […] – Marte: pietra che rotola o misterioso Yeti? […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: