Il progetto Blue Beam

29 Mar

Rieccoci di nuovo a parlare di teoria del complotto e di cospirazioni fatte da misteriosi governi ombra a danno della povera popolazione mondiale che, in un modo o nell’altro, prima o poi dovra’ essere sterminata, resa schiava, convertita, ecc.

Questa volta vorrei parlarvi del cosiddetto progetto “Blue Beam”. Questo argomento mi e’ stato richiesto da diversi lettori che hanno chiesto un mio punto di vista, anche se, come vedremo, diversi argomenti che verranno trattati sono in parte stati gia’ discussi su questo blog. In questo caso, potremmo definire questa teoria del complotto un po’ come un riassunto di tante teorie tutte insieme proprio, come ormai siamo abituati, per creare confusione nelle persone che provano a documentarsi.

Veniamo a noi, cosa sarebbe questo progetto “Blue Beam”?

Questo sarebbe un complotto creato appositamente per riunire tutte le popolazioni del mondo sotto una nuova religione New Age con a capo l’Anticristo. Tutto questo sarebbe ad opera, al solito, degli Illiuminati o del Nuovo Ordine Mondiale, di cui abbiamo parlato in questi post:

Il complotto del complottista

Come si alimenta il sospetto

Il fenomeno Adam Kadmon

Il primo a parlare del Blue Beam fu Serge Monast, un giornalista investigativo con particolari interessi alle teorie cospirazioniste. In particolare, nel 1994, Monast pubblico’ il libro “Project Blue Beam” in cui metteva nero su bianco questa teoria, ovviamente senza citare nessuna fonte ufficiale ne’ tantomeno evidenze scientifiche delle ipotesi utilizzate.

Senza perderci in inutili dettagli, veniamo subito al complotto.

Prima di tutto, come anticipato, Monast pubblico’ la sua idea nel 1994 e nel 1996 mori’ di infarto. Se provate a reperire informazioni sui siti che sostengono questa teoria, trovate che a poche settimane da Monast anche un altro giornalista che sosteneva questa teoria mori’ di infarto. Ecco il primo spunto complottista: evidentemente i due giornalisti sono stati eliminati per non far trapelare le informazioni.

Ora, a parte che da nessuna parte ho trovato riferimenti al secondo giornalista, nessun nome o altri dettagli, ragioniamo un secondo: in genere, le persone che muiono di infarto hanno problemi cardiaci? A mio avviso, non e’ assolutamente detto, per cui non capisco come uno che muore di infarto debba per forza essere stato assasinato.

Ma tralasciamo questi dettagli e andiamo a parlare proprio del progetto.

Come anticipato, a differenza delle altre teorie, il complotto Blue Beam andrebbe a far leva sulla fede religiosa delle popolazioni del mondo. In particolare, per arrivare allo scopo ultimo di istituire la nuova religione, il progetto si articolerebbe in quattro fasi distinte.

FASE 1: Crollo della conocenza archeologica

Nella prima fase, si punterebbe a far cadere tutte le convinzioni archeologiche che gli essere umani hanno acquisito nel corso dei secoli. Come avverrebbe questo? Prima di tutto verrebbero creati terremoti in diverse parti del mondo, con il solo scopo di portare alla luce nuovi reperti, in realta’ appositamente posizionati nel punto del sisma. La scoperta di questi reperti sarebbe in grado di mettere in dubbio le certezze umane sulle diverse dottrine religiose, mostrando come nel corso dei secoli ci sia stata una cattiva interpretazione dei ritrovamenti ed in particolare delle dottrine religiose del pianeta.

Come creare terremoti falsi? Ma che domanda, attraverso HAARP!

Senza ritornare su questo argomento, di HAARP, di come funziona e dell’impossibilita’ di creare terremoti indotti in questo modo, abbiamo parlato in questi post:

Haarp e terremoti indotti?

Haarp, la causa di tutti i mali?

Cari giornalisti … almeno voi!

Come visto, i diversi siti che cercano di convincere dell’utilizzo come arma del sistema HAARP, utilizzano dati falsi e vengono del tutto sconvolte teorie scientifiche basilari che chiunque potrebbe verificare.

Andiamo avanti con il progetto Blue Beam.

FASE 2: Lo spettacolo spaziale

Quando le conoscenze archeologiche saranno state spazzate via e le convinzioni religiose cominceranno a scricchiolare, ci sara’ un impressionante spettacolo spaziale con luci, suoni, laser, ecc visibile da tutte le parti del mondo. In particolare, durante lo spettacolo verranno proiettate immagini e suoni diversi nei diversi paesi appunto per fare leva sul culto religioso di quella particolare zona.

Stando sempre a quanto riportato da Monast, si tratterebbe di immagini olografiche create appunto nel cielo sfruttando imponenti sistemi tecnologicamente avanzati.

Come e’ possibile realizzare tutto questo?

Sempre secondo la teoria, la tecnologa per fare questo sarebbe gia’ disponibile e sarebbe ovviamente, rullo di tamburi, HAARP anche in questo caso. Come avviene questo? Semplice, Haarp sarebbe in grado di creare aurore boreali modellando la figura mostrata in base a quello che si vuole mostrare. Anche in questo caso, ma forse ancora piu’ di prima, siamo nel campo delle fantasie. E’ impossibile creare aurore boreali e dare la forma che vogliamo addirittura per creare ologrammi. In questo post:

Messaggio alieno nelle aurore

avevamo parlato del presunto alieno rappresentato da un’aurora, mostrando in realta’ l’assurdita di questa ipotesi.

Ma siamo solo alla fase 2. Andiamo avanti.

FASE 3: Comunicazione Bidirezionale Elettronica Telepatica

Comunicazione Bidirezionale Elettronica Telepatica? Ma che significa? Qui viene il bello, sempre mediante onde a bassa frequenza ma a potenza enorme (almeno questo viene detto), si potrebbe comandare la mente delle persone. In particolare, nel progetto blue beam, il controllo sarebbe esercitato per far cadere le convinzioni delle persone e per mettere del tutto in dubbio tutte le credenze religiose presenti fino a quel momento. A questo punto, dopo questa fase, e’ come se il cervello di tutti gli uomini venisse azzerato dal punto di vista della fede religiosa, lasciando terreno fertile per insinuare la nuova religione.

Come e’ possibile modificare il pensiero collettivo? Ovviamente sempre tramite l’immancabile HAARP, ma questa volta c’e’ bisogno di un aiuto per raggiungere uno scopo cosi’ difficile. Provate ad indovinare da chi potrebbe arrivare questo aiuto? Dalle scie chimiche!

Di questo argomento, molto spinoso, e permettetemi di dire anche in modo piu’ serio, abbiamo parlato in questi post:

Alcune considerazione sulle scie chimiche

Scie Chimiche: il prelievo in quota

Scie chimiche e cloud seeding

Come difendersi dalle scie chimiche

Il Dibromoetano e le scie chimiche

A-380 modificato per spargere scie chimiche

Premesso che, come potete leggere in tutti i post, non esiste nessuna prova scientifica, oggettiva ed insindacabile sulle scie chimiche, e’ ancora piu’ assurdo mettere in relazione questo argomento con il controllo della mente.

Detto questo, ormai tutto sarebbe pronto per la quarta fase.

FASE 4: manifestazione universale

Pensate sia ora della nuova religione? Non dobbiamo essere frettolosi. Nella quarta fase, sempre con tecnologie simili a quelle viste prima, in diverse parti del mondo, tramite ologrammi, si farebbe credere che e’ in corso un’invasione aliena. Secondo i sostenitori di questa teoria infatti, il recente aumento di avvistamenti alieni altro non sarebbero che le prove in corso per costruire ologrammi sempre piu’ perfetti.

Perche’ si dovrebbe simulare un’invasione aliena?

Visto il pericolo, le maggiori potenze mondiali tenterebbero di scacciare gli invasori utilizzando il loro arsenale nucleare. Quando pero’ si capira’ che l’invasione era falsa, l’ONU sanzionera’ tutti i paesi imponendo lo smantellamento degli arsenali atomici.

E adesso che c’entra l’ONU? Semplice, anche loro fanno parte del nuovo ordine mondiale, come avete fatto a non pensarci!

A questo punto, con i paesi senza armamenti e le religioni azzerate, si pensera’ ad instaurare la nuova religione condivisa per tutti gli esseri umani ma, soprattutto, il nuovo governo mondiale.

Questa e’ la teoria complottista del Blue Beam. Pensate sia assurda? Purtroppo ci sono molti siti che sostengono questa teoria e che tutti i giorni cercano evidenze negli avvenimenti mondiali per mostrare l’inizio di questo progetto.

Non credo sia necessario aggiungere altro. Come anticipato all’inizio, per tutte le fasi abbiamo risposto citando post gia’ trattati ma, soprattutto, riprendendo quanto gia’ scritto e le spiegazioni circa la non fondatezza di queste teorie. Sicuramente, parlare del progetto Blue Beam ci ha permesso di fare un ottimo riassunto delle principali teorie complottiste trattate e di rinfrescare alcuni punti.

 

Psicosi 2012. Le risposte della scienza”, un libro di divulgazione della scienza accessibile a tutti e scritto per tutti. Matteo Martini, Armando Curcio Editore.

Annunci

30 Risposte to “Il progetto Blue Beam”

  1. franq settembre 9, 2013 a 1:31 pm #

    Spero che i soldi che ti pagano per disinformare tu li spenda per curarti dalla merda che ci fanno mangiare, respirare, sentire e leggere e da cui non sei esente. Pagliaccio!

    • psicosi2012 settembre 9, 2013 a 3:12 pm #

      Caro franq,
      di solito chiedo di mantenere una certa educazione nei commenti. Nel tuo caso, lo lascio cosi’ com’e’ per vari motivi.

      Prima di tutto, ti faccio notare che, al contrario dei siti che frequenti te, qui non ci sono sponsor, pubblicita’ o il tasto “fai una donazione”. Questo significa che il sottoscritto non prende un soldo per scrivere i suoi articoli. Il mio lavoro e’ un altro. Lo faccio solo per passione e per divulgare la scienza.

      Inoltre, i miei post sono sempre accompagnati da una discussione e da considerazioni scientifiche. Se cosi’ non e’, metto sempre nero su bianco che si tratta di un mio personale pensiero.

      Nei siti che sarai solito frequentare e da dove ti “informi”, quante prove vengono mostrate? Quali articoli di luminari vengono mostrati? Immagino che ci siano tonnellate di dati che tu e quelli come te analizzate tutti i giorni utilizzando i piu’ moderni ritorvati della scienza.

      Per il resto, il tuo commento, pregno di contenuti e educazione, si commenta da solo. Tutti quelli che lo leggeranno potranno arrivare alle proprie conclusioni.

      Saluti

      • Renato settembre 9, 2013 a 5:36 pm #

        No comment.
        Renato

      • psicosi2012 settembre 9, 2013 a 11:47 pm #

        Si commenta da solo 😉

        Matteo

      • montefeltro gennaio 7, 2015 a 2:12 am #

        ce una cosa fondamentale che di te come disinformatore è marcante e diffusa a tutti i debunker,ossia ripeti fino alla noia “complottisti”,ora nessuno ti dice che sei filo-mondialista ma taciti gli altri di calunnia. Lo stesso avvicendamenti dei disinformatori è quello di implicitamente abbracciare le indubbie negative istituzioni esistenti…di cui si fa’ molta fatica a liberarsene e a volte molta fatica è stata spesa e qualcuno ci rimette anche col carcere o la persecuzione legislativa sotto vari aspetti

      • montefeltro gennaio 7, 2015 a 11:29 am #

        un linguaggio colorito che dimostra amara realtà,in fondo stando al fattore alimentazione potremmo dire schifoso da uun termine più acceso ma la sostanza non cambia.Ed è realtà…chiunque ocnosce medi produttori agricoli potrà indicare come i loro prodotti siano smerciabili a grossisti noti e quest “impongano” una certa percentuale di pesticidi o fertilizzanti chimici la quale non operata rescinderebbe l’acquisto della moncultura;aggiunto a quanto il contadino ritenga molto superfluo tale uso,,,,,creando metamorfosi nei parassiti rendendo certuni via,via più tolleranti e resistenti oltre che grossi. Nondimeno i piccoli produttori senza capacità d’investimento a norme di legge…tradotto “impossibili” senza prestito…vengono perseguitati dalla legge e minacciati di sigilli. Un vignaiolo mi ha confidato che solo grazie a un parroco ottenne il prestito necessario (lui che non dovette far mai prestiti in vita sua) e che il lavoro svolto di piastrellamento con soletta di cemento al piano di calpestio peggiorò la temperatura ideale del vino che per non guastarsi dovette riallineare i solfiti interni:il che peggiora la qualità,non essendo il suo vino pastorizzato come…le numerose e maggioritarie porcherie in giro. Ora,smentire ciò da complottismo o denigrazione non sarebbe che una calunnia alla realtà

      • psicosi2012 gennaio 7, 2015 a 11:44 am #

        Mi permetto solo di fare un’osservazione, visto che si sta saltando di palo in frasca.

        Immagino che lei, che afferma che a parità di altitudine, due aerei identici hanno comportamento differente (uno lascia scia l’altro no), abbia misurato con accuratezza, con uno scarto inferiore ai 10 metri, i valori delle altitudini stesse? Oltre, ovviamente, ad aver identificato con precisione la tipologia di aereo, il tipo di motore e la temperatura di emissione degli scarichi.

        Immaginando che così sia, la pregherei di renderci edotti condividendo con noi queste misure in modo da poterle discutere insieme. Sa, la termodinamica, come la fisica in generale, è una scienza esatta proprio perchè basata su misure accompagnate da incertezza calcolate accuratamente.

        Saluti,
        Matteo

      • montefeltro gennaio 7, 2015 a 1:08 pm #

        puoi pure darmi del tu,come hai anche scritto a un’altro. Complimenti per la tenuta del blog,visto che sono nuovo parto da questa circostanza obbligata.
        chi salta di palo in frasca in questo caso sei te, professore, infatti si parlava del linguaggio colorito e degli alimenti, stando in linea di discorso dovresti quindi dimostrare che questo obblighi imposti nei riguardo dei produttori e il prodotto finale pessimo e nocivo non sia effettivamente schifoso ma affidabile,in detto caso dimostrando che quei produttori mentono.
        POi hai risposto in contemporanea ad altre osservazioni nel blog nell astessa lettera,va’ bene…
        E’ noto che in genere i conoscitori in campo militare sono una cerchia ristretta e non è un’interesse pubblico,tant’é che da tempo il servizio di leva stesso è relegato solo a certuni…ma almeno nell’esserlo l’allenamento e la sufficienza matematica studiata da qualsiasi ufficiale:in artiglieria,marina,mortai,di posti d’osservazione “impongano” il riconoscere le distanza per il tiro d’artiglieria e lancio di siluro con “l’occhio allenato” anche all’oscurità: i giapponesi erano molto addestrati a valutare le distanza in notturna e senza radar e colpivano anche a segno! Anzitutto si parte dall’orizzonte, oltre vista l’angolatura della terra non è visibile nulla a occhio nudo, poi demoltiplichi l’unità che vedi in base a quello che dev’essere:un sommergibile in emersione (100m),un aereo di linea (80m),dati che già conosci e attraverso l’altezza in cui ti trovi -fosse anche la semplice tua-calcoli matematicamente al quadrato tenendo conto dei gradi in cui vedi l’oggetto, l’altitudine in cui ti trovi e dove guardi…dati che a grandi linee devi conoscere: mi trovo a Milano Nord per pura casualità, 140m altitudine sul mare, sono alto 175 e vedo un’oggetto in campo aperto ancora più a nord con un’altitudine del luogo che conosco da 150-160m,l’oggetto si trova presumo a 70-80°,nella sua grandezza reale è lungo 70-80m,alla mia vista lo vedo grande l’equivalente di 2-3cm…e pertanto anche a occhio imposti la stima, senza doverti fare un laboratorio portatile o calcolatrice sempre in mano.
        Io capisco che il grande pubblico si fa’ trascinare da semplici eloquenze dialettiche più o meno impostate con arte,vere o da venditore che siano, se però la scuola funzionasse meglio senza sfornare ignoranti con dati banali quasi inservibili nella vita comune pre-impostati in testa, imparasse a sviluppare il pensiero in proprio ,a raziocinare e sviluppare materie concrete,ci troveremmo che la massa avrebbe meno bisogno di essere abbindolata in quanto troverebbe maturamente le conclusioni da sé. IN genere però la massa serve solo per saper votare qualche poco di buono venuto a sfruttare bene l’occasione propizia a suo uso ed è quindi meglio che i programmi scolastici non sfornino cittadini troppo coscienti ma solo consenzienti…in ultimo troviamo che il bistrattato campo militare può esser anche ben usato e tornare utile a svelare le truffe del sistema istituzionale cui siamo sottoposti

    • Patrizia settembre 10, 2013 a 7:09 am #

      “Ci vuole insieme intelligenza e pudore,
      ci vuole spinta, gentilezza e candore,
      e il desiderio struggente di cielo
      che muove il minatore”…..Interiorizza la tua esigenza di pulizia, prima di sconfinare nella maleducazione gratuita e fine a se stessa.

      • Patrizia settembre 10, 2013 a 7:12 am #

        …dimenticavo…se volessi ascoltarla per intero, caro franq, la canzone si intitola VALZER ed è di Teresa De Sio.

    • dama maggio 10, 2015 a 10:52 pm #

      Eccoti alcune prove come da te richiesto a gran voce:

      Guarda “SCIE CHIMICHE E RISCONTRI SCIENTIFICI” su YouTube – SCIE CHIMICHE E RISCONTRI SCIENTIFICI: http://youtu.be/_CHn2kS__EQ

    • dama maggio 10, 2015 a 10:53 pm #

      Guarda “SCIE CHIMICHE E RISCONTRI SCIENTIFICI” su YouTube – SCIE CHIMICHE E RISCONTRI SCIENTIFICI: http://youtu.be/_CHn2kS__EQ

  2. Massimo gennaio 2, 2014 a 3:23 am #

    Caro dottore, apprezzo molto il suo stile e padronanza di linguaggio, molto ammalianti per smentire con convinzione ciò che non è affatto smentito… lei parla di scie chimiche inesistenti senza prove…? ebbene oltre alle centinaia di prove ed analisi su polimeri e solfati fatte da scienziati durante le gite degli aerei… esistono, interrogazioni parlamentari europee senza risposte.. inoltre in Canada si fanno da anni manifestazioni di protesta in proposito, e da poco anche in Italia… Voi opinion leader della comunicazione, siete molto abili deviare i discorsi, ma del resto siete pagati per questo motivo…

    • Renato gennaio 2, 2014 a 7:41 am #

      Lascio la risposta tecnica a Matteo, che ha tutte le qualifiche tecniche per farlo.
      Da parte mia vorrei farti notare una cosa: questo blog é aperto a tutti e cerca di aprire discussioni su svariati argomenti, senza preconcetti. Dire che qualcuno viene pagato per questo é molto offensivo, in quanto é come paragonarlo ad un mercenario.
      Se hai una diversa idea, esponila. Vedrai che riceverai risposte con dati scientifii. Presenta i tuoi dati con le relative fonti e metoologie, così da poterli analizzare.
      Ciao e buon 2014.
      Renato.

    • psicosi2012 gennaio 2, 2014 a 1:34 pm #

      Caro Massimo,
      prima di tutto ti chiedo, se possibile, di darmi tranquillamente del tu. Per scelta del blog stesso, chiedo sempre di non utilizzare forme di cortesia. Qui non siamo all’universita’ o al lavoro, e’ un libero spazio di discussione per tutti.

      Questa premessa, come sottolineato anche da Renato, serve per capire l’indirizzo del blog e il motivo per cui ho deciso di creare questo spazio.

      Venendo al commento vero e proprio, ci sono decine di articoli sul blog che parlano di scie chimiche, smentendo di volta in volta le prove presunte portate dai tanti sostenitori. Perche’ chiedi a me delle prove? Non siamo certo noi a dover portare prove di qualcosa che non esiste. Al contrario, chi sostiene che quelle che si vedono non siano scie di condensa ma scie di aerosol chimico, dovrebbero convincere gli altri che le affermazioni sono corrette. Come? Portando analisi scientifiche, svolte in modo scientifico, provate e dimostrabili con metodo scientifico e che sarebbero in grado di convincere chiunque. Per mia predisposizione, sia personale che lavorativa, sono abituato a dimostrare quello che penso a suon di prove inconfutabili. Ad oggi, non ho visto, sottolineo in “nessun caso”, prove che lascino anche solo riflettere sulla possibilita’ dell’esistenza delle scie chimiche.

      Sempre nel commento si dice “esistono interrogazioni parlamentari”. E’ vero, cosi’ come esistono interrogazioni parlamentari chieste per discutere l’esistenza degli alieni, del nuovo ordine mondiale, ecc. Qualche esempio? Eccoli:

      https://psicosi2012.wordpress.com/2013/01/12/gli-ufo-sbarcano-anche-al-parlamento-italiano/

      https://psicosi2012.wordpress.com/2012/12/12/se-lo-dice-borghezio/

      https://psicosi2012.wordpress.com/2013/03/19/quale-onore/

      Un parlamentare puo’ in linea di principio fare interrogazioni su quello che vuole. Spesso pero’, su argomenti come questo, le interrogazioni finiscono nel dimenticatoio. Lungi da me dire frasi fatte del tipo “potrebbero pensare a cose serie”. Perche’? Perche’ per alcuni parlare di scie chimiche e’ parlare di cosa serie. Non voglio denigrare questa posizione. Qui, siamo aperti alla discussione e, se evidente, a cambiare opinione e ammettere l’errore. Il mio punto di vista e’ che molte persone sono convinte di alcune cose solo perche’ spinte dalla disinformazione sulla rete. Disinformazione non e’ quella fatta da blog come questo, ma quella di alcuni siti che sfruttano la credulita’ popolare.

      Proprio su questa frase vorrei concludere rispondendo all’ultima affermazione. Il mio CV e’ online e visibile a tutti. Vengo pagato per fare lezione all’universita’ e per fare ricerca nel campo della fisica delle alte energie. Qualcuno mi paga per tenere questo blog o ci guadagno qualcosa? Assolutamente no. Dalle mie parti si dice “dove non c’e’ il guadagno, la rimissione e’ certa”. Infatti, perdo ore e ore di sonno per scrivere questi articoli. Tempo che sottraggo, magari, ad un hobby, a fare una passeggiata, agli amici o agli affetti. Perche’ lo faccio? Per passione e perche’ credo che sia giusto divulgare la scienza vera. Sono veramente dispiaciuto quando vedo articoli che denigrano la scienza, smentiscono i fatti e che, purtroppo, convincono tante persone. Ti faccio un’ultima osservazione che ripetero’ fino alla sfinimento: vedi pubblicita’, link, banner, ecc su questo blog? L’unico che visualizzi e’ messo da wordpress che offre lo spazio gratuitamente. Nei siti su cui ti informi quante pubblicita’ ci sono? Si vendono libri, magliette, si fanno seminari a pagamento, ecc. Chi guadagna facendo credere che esistano le scie chimiche?

      Un caro saluto,
      Matteo

      • ciccio pideficoleri gennaio 23, 2014 a 12:06 am #

        >> vedi pubblicita’, link, banner, ecc su questo blog?
        >> Nei siti su cui ti informi quante pubblicita’ ci sono? Si vendono libri, magliette, si fanno seminari a pagamento, ecc.

        Chiedo scusa, ma non c’è forse un grosso link in alto accanto al titolo del blog che recita “DOVE COMPRARE PSICOSI 2012”?
        Forse lo vedo solo io… a 14 euro e 90…

      • psicosi2012 gennaio 23, 2014 a 7:20 am #

        Certo che c’e’ il grosso link in alto, puoi stare tranquillo, non hai le visioni.

        Diverse volte nel blog ho spiegato questa cosa. Puoi trovare le risposte alle tue domande, leggendo questo post:

        https://psicosi2012.wordpress.com/2012/12/27/perche-psicosi-2012-dopo-il-2012/

        e gli altri che vengono richiamati nello stesso articolo.

        Spero che la cosa ora sia chiara.

        Matteo

      • montefeltro gennaio 7, 2015 a 2:23 am #

        se si comincia così è il vicolo cieco, tu devi dire che sono false un’altro dice che sono vere,non ci sono solo i dati scentifici,questi si fanno certo, ma per raggiungerli ci sono i metodi ipotetici che poi formulano la deduzione che poi dovrà avere conferme,mi spiace ma è falso che si parte dalle analisi scentifiche.
        Una delle più rosse pecche sul dichiararle false è che stupidamente e abbastanza spesso viaggiano aerei che li rilasciano e altri no,praticamente in contemporanea e alla stessa altitudine. Questo è uno degli errori più idiota e banale che gli avvelenatori fanno.
        Come quando si dice che per un errore stupido si perde una battaglia ecco con tanto di manuali teorici presentati a un pubblico che di pressioni atmosferiche non ne capisce niente questi si sciolgono come neve al sole dall’evidenza.
        Le scie chimiche sono reali e l’ostinazione a negarle assolutisticamente è un po’ tutta italiana,da pecoroni,la Cina ha ufficializzato i suoi intenti nel 2013 e sono anche motivazioni lodevoli.
        quindi la odmanda principale è:”qui per quale scopo invece vengono utilizzate”? O siamo forse più tonti e oscurantisti degli altri?Va’ bene che il Vaticano lo era e tanti argomenti erano tabù assoluto…ma proprio per questo non imitiamoli,grazie!

    • montefeltro gennaio 7, 2015 a 11:19 am #

      oltre a tutto ciò elencato ce uno degli errori più banali che uno in malafede possa fare: molto spesso gli aerei rilascianti scie chimiche si trovano a breve se non in contemporaneo passaggio ai normali aerei di linea,in altitudine simile,per intenderci ad altitudine di messa in quota da un aeroporto distante circa 40km,quindi medio-bassa, ebbene ci sono distintamente gli aerei di linea che non rilasciano scia e questi altri che lasciano “abbondante” scia:quindi benissimo osservabili che non la rilascia per niente da chi la rilascia abbondante e persistente.
      Oltre come detto a tutto il resto per dimostrare che chiunque commette degli errori anche se in alta posizione istituzionale

    • dama maggio 10, 2015 a 10:58 pm #

      Concordo in toto con Massimo.
      pagati lo si può essere anche privatamente.
      Giusto per ricordare..

  3. Ardito Montagnani luglio 17, 2014 a 12:04 am #

    Un grazie sincero a chi gestisce questo blog per l’impegno nel cercare di portare un po’ di ragione nella rete internet, con ragionamenti ben argomentati e una pazienza che a me sembra infinita.

    • psicosi2012 luglio 17, 2014 a 6:27 am #

      Grazie mille! Complimenti come questi sono il vero ringraziamento e il motore principale che ci spinge ad andare avanti. Preferisco sempre parlare al plurale perché, anche se gestico direttamente il sito, questo blog non sarebbe mai stato così ricco di informazioni e discussioni senza l’apporto e il sostegno costante di tanti che ogni giorno ci leggono, commentano ed esprimono i loro dubbi.

      Grazie ancora,
      Matteo

      • montefeltro gennaio 7, 2015 a 2:24 am #

        prego

  4. montefeltro gennaio 7, 2015 a 1:48 pm #

    chiudo ulteriormente perché ho scordato l’osservavibilità da te citata riguardo i particolari non di massima ma minuti,facendo l’esempio di particolari come il motore. Allora…per queste funzioni esiste il demoltiplicatore noto come binocolo o cannocchiale,meccanico o elettronico, in assenza di esso è stupido pensare di dare all’occhio umano una funzione che non ha,egli va’ considerato per ciò che può fare ed è chiaro che più la sagoma è lontana più egli non potrà farci niente avendo una visibilità fissa, per detto motivo esistono i calcoli matematici che ovviano al problema di valutare una distanza molto vicina al reale per chiunque abbia la coscienziosità di usare quelle semplici informazioni cui tutto sommato hanno a disposizione tutti…chi non conosce infatti un’indicazione semplice anche approssimativa in cm di un qualche oggetto? direi un ebete

    • psicosi2012 gennaio 7, 2015 a 1:52 pm #

      Carissimo,
      nel tuo post parli di “occhio umano”, binocolo, misura in centimetri, ecc.. Se rileggi quanto ho scritto, ho chiesto una misura reale che possa farmi credere che due aerei “identici” alla “stessa” quota, hanno comportamenti diversi. Parlare di aerei grandi più o meno 3 centimetri, significa commettere errori, leggasi incertezze sperimentali, molto grossolani nella misura dei parametri fisici di interesse. Come è noto, i valori dei parametri atmosferici possono variare ache molto rapidamente, sia nel tempo che nello spazio, per cui è assurdo, a mio avviso, essere certi di queste affermazioni. Poichè, come scritto, la termodinamica è una scienza esatta, due aerei identici alla stessa quota e con gli stessi parametri fisici, avranno lo stesso comportamento.

      Perchè ci si ostina a credere a voci sparse nel web o a osservazioni “ad occhio”?

      Matteo

      • montefeltro gennaio 7, 2015 a 2:26 pm #

        infatti,se: “due aerei identici alla stessa quota e con gli stessi parametri fisici, avranno lo stesso comportamento”… in un cielo prima delle scie azzurro intenso, libero da nubi, con identica pressione atmosferica e assenza di venti non è possibile una differenza per cui uno rilascia scie intense -dico intense per la quantità di rilascio e permanenza- e l’altro niente; il tutto ad una distanza di raggio tra loro tra i 2-3km con altitudine tra i 2 stante attorno ai 500m di differenza, con una quota del rilasciante attorno a soli 3000m circa. Xciò che appunto detto e considerato un grosso banale errore degli irroratori. Questa è una prova di fatto; anche senza un aereo noleggiato con strumentazioni che vada in quota a ritirare campioni,anche se sarebbe l’ideale dopo la deduzione avvenuta attraverso calcoli sul momento uniti all’incongruenza appunto dei 2 voli contemporanei.
        Perché gli alleati conoscevano i codici cifrati dell’asse a loro insaputa? Perché erano abili e i vantaggi enormi da questo errore altrui commesso. Un banale errore commesso che però fornisce evidenze alla realtà delle scie. Niente di più.
        L’osservazione a occhio è molto importante, più delle notizie di pro o contro, l’importante è saper calcolare in modo base e sufficiente queste differenze, sono cose semplici che ognuno può fare usando quelle poche nozioni imparate a suo tempo a scuola, anche senza aver svolto corsi specializzati;quando ha eseguito in modo automatico questi calcoli, essendosi nel frattempo informato in che quota e che condizioni le scie possono formarsi,confrontati in modo contemporaneo 2 voli quasi equidistanti con effetti contraddistinti.Giocoforza l’osservatore dovrà trarre delle considerazioni. Con la farina del proprio sacco unite ad una base di conoscenza sufficiente si possono fare molte cose…da qui partono anche le più famose invenzioni.
        Ma anche in piccolo è bene che la massa cominci ad acculturarsi quanto basta per essere autonomamente pensate superando quel livello d’influenzabilità che la contraddistingue. O dovrà capire che sarà sempre comandata da qualcuno contro i suoi interessi; che deve volgere lo sguardo avanti quanto sopra,dev’essere più conoscitrice e informata dei fatti che la circondano od avrà ben poca speranza di rivalsa per la sua libera esistenza.

  5. Patrizia gennaio 8, 2015 a 3:47 pm #

    Il bisogno della gente è di credere a ciò che conferma i propri stereotipi: è più facile accettare qualcosa che confermi la nostra visione del mondo, piuttosto che mettere in discussione i nostri sistemi di credenze e valutazioni. E hai ragione, Montefeltro: è il caso che la massa inizi ad acculturarsi, magari partendo dalla grammatica italiana, perché è ben visibile anche ad occhio nudo quanto bisogno ci sia di apprendere i fondamenti della sintassi e dell’ortografia!

    • montefeltro gennaio 8, 2015 a 4:14 pm #

      conosco di contadini che non sapevano leggere e scrivere ma a quanto si appura molti di costoro sapevano farsi rispettare. Nondimeno dei capi tribù che considero superiori più che inferiori prima della presunta superiorità bianca nei cosiddetti popoli primitivi. Ora si ha una vera inflazione di professori,avvocati… ma non vedo che sappiano trovare valide alternative per infilare altri di costoro nei posti di potere, perché altri novellini dal vestito lindo e parola facile non sanno di meglio che farsi puntualmente fregare…
      E’ insomma un giudizio dispersivo della sostanza del discorso che si vuole affrontare, professore…senza ricercare ironia ma dando solo affidamento a un titolo ufficiale,voglio specificare a nome di fraintendimenti. Meglio la sostanza direi. Anche se potresti essere del parere opposto senza che possa farci niente.
      se la gente in pratica fosse acculturata anche per maturità di mente avrebbe la possibilità d’intuire senza lunghi dibattiti di tecnici se qualcuno gli sta’ facendo un torto o no.
      E per farlo ci vuole una civiltà superiore a quella odierna. Taluni affermano che in passato vi erano civiltà superiori; sia che ci fossero state che no quella odierna ha dell’inferiorità civile non da poco

      • Renato gennaio 8, 2015 a 10:29 pm #

        Scusa, ho seguito tutta la discussione senza commentare.
        Tuttavia ci sono alcune cose che mi lasciano perplesso nel tuo ragionamento, in particolaren non approvo il tuo approccio empirico ai dati fisici. Da Galileo ad oggi, abbiamo imparato che gli strumenti della scienza ci aiutano a capire il mondo, arrivando a comprendere cose che possono ingannare l’occhio.
        Renato.

  6. dama maggio 10, 2015 a 10:55 pm #

    Eccone un’altro:

    Guarda “Chemtrails – Scie Chimiche – La Conferma di Rosalind Peterson alle Nazioni Unite” su YouTube – https://youtu.be/-edWhhTS3_Y

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: