Tromba d’aria a Taranto

29 Nov

Questa mattina, intorno alle 10.30, si e’ verificata una violenta tromba d’aria a Taranto. Attualmente c’e’ un disperso e numerosi feriti. Il fenomeno ha causato ingenti danni strutturali, soprattutto alle acciaierie dell’Ilva.

In passato, abbiamo gia’ parlato di tornado in questo post:

– Tornado di Fuoco in Australia

In queste ultime ore, ho ricevuto diversi messaggi da parte di utenti, che mi chiedevano il mio punto di vista sulla cosa. Come potete facilmente immaginare, questo fenomeno e’ stato subito messo in relazione con gli eventi del 21 Dicembre e molte fonti web vedrebbero nella tromba d’aria un chiaro segnale premonitore della prossima fine del mondo.

Ora, alla luce dei dispersi e, secondo alcune fonti, anche delle vittime da accertare, lungi da me ridurre il discorso ad un semplicistico ragionamento scientifico. Quello che pero’ vorrei discutere e’ il perche’ si formano le trombe d’aria e se effettivamente questo fenomeno ha un significato di eccezionalita’.

Prima di tutto, come si forma una tromba d’aria?

L’insorgere di questo genere di fenomeni e’ strettamente legato alle condizioni atmosferiche. Quando si e’ in presenza di correnti d’aria calda negli strati inferiori e di correnti d’aria fredda negli strati piu’ alti, possono innescarsi fenomeni turbolenti. A causa della differenza di peso, l’aria calda degli strati sottostanti tende a salire verso l’alto, mentre quella fredda e’ spinta verso il basso. Se le condizioni delle correnti lo consentono, questo movimento di masse d’aria puo’ provocare un cilindro d’aria rotante intorno ad un asse perpendicolare al terreno.

Processo di formazione di una tromba d’aria

A questo punto, la continua spinta delle correnti d’aria calda verso l’alto, puo’ allungare il cilindro d’aria verso l’alto creando appunto la tromba d’aria.

Le condizioni atmosferiche migliori per la formazione di una tromba d’aria si hanno in concomitanza con un forte temporale. In questo caso, la presenza di cumulonembi puo’ offrire le condizioni di temperatura e pressione migliori per la creazione del turbine iniziale.

Il diametro alla base di una tromba d’aria puo’ variare tra le decine di metri fino anche a 500 metri, con altezze che vanno dai 100 metri fino anche ad 1 Km. Queste formazioni ventose, una volta create, possono resistere per tempi anche lunghi, percorrendo tragitti dell’ordine anche di qualche kilometro.

A differenza di quanto si potrebbe pensare, le trombe d’aria sono un fenomeno possibile nella zona mediterranea, anche se con probabilita’ di formazione diversa in base alla regione considerata. Per completezza, vi riporto anche una mappa del NOAA con l’indicazione delle aree mondiali di maggior incidenza di trombe d’aria:

Zone del mondo con maggior incidenza di trombe d’aria

Come vedete, l’Italia non e’ assolutamente immune a questo genere di fenomeni.

Cosi’ come avviene per i terremoti, anche le trombe d’aria vengono classificate in una scala specifica in base al loro potere distruttivo. Questa classificazione prende il nome di scala Fujita e presenta 6 livelli distinti da F0, il meno distruttivo, fino a F5, considerato catastrofico. Da quanto detto, capite bene come la classificazione di questo fenomeni richieda l’analisi di diversi fattori, quali la durata della tromba d’aria, la velocita’ dei venti, il diametro alla base, ecc. A titolo di esempio, una tromba d’aria di classe F0, per intenderci in grado solo di spezzare i rami degli alberi, presenta venti fino ad un centinaio di Km/h.

Per quanto riguarda la probabilita’ di formazione, la maggior parte delle trombe d’aria ricade nel grado F0. Solo il 5% dei fenomeni supera il grado F3 e di queste solo lo 0.1% ha il grado F5 di distruzione massima.

Come sappiamo bene, il maggior numero e la maggior intensita’ di questi fenomeni avvengono, ad esempio, negli Stati Uniti. In questo caso, a differenza dell’Italia, la maggior intensita’ e’ proprio dovuta alla geomorfologia del terreno che offre le condizioni ottimali per la formazione e la propagazione dei vortici.

Fatta questa doverosa premessa, torniamo al caso di Taranto.

Alla luce di quanto detto, capiamo subito che la formazione di una tromba d’aria in queste regioni, non ha assolutamente carattere di eccezionalita’. A questo punto pero’, si potrebbe obiettare dicendo che l’intensita’ del fenomeno e’ stata molto superiore rispetto a quelle a cui siamo abituati.

Cosa possiamo dire a riguardo?

La tromba d’aria di Taranto e’ stata classificata come F2 nella scala Fujita. Ripensiamo a quanto detto riguardo alla formazione delle trombe d’aria. Ruolo fondamentale in questi processi e’ la presenza di aria calda negli strati bassi e di correnti di aria fredda negli strati piu’ alti. Se ci pensiamo bene, nei giorni scorsi, le temperature in Italia sono state decisamente sopra la media. Proprio in queste ultime ore invece, stiamo assistendo all’arrivo di correnti d’aria da nord molto piu’ fredde e che stanno causando una diminuzione delle temperature in tutta la penisola. Detto questo, capite bene che le condizioni di temperatura richiesta per la formazione di una tromba d’aria erano sicuramente presenti.

Riguardo invece all’intensita’ del fenomeno, possiamo consultare gli archivi storici per cercare di capire quali sono le intensita’ che si sono verificate nel passato in Italia.

Nel 1957 nella zona dell’Oltrepo’ Pavese si e’ verificata una tromba d’aria stimata di grado F4. Nel 1970, a Venezia, si e’ verificato un altro fenomeno, sempre di intensita’ F4, che causo’ diverse vittime. Esistono poi moltissimi altri esempi documentati in Italia di trombe d’aria di intensita’ F2 ed F3, cioe’ uguali o superiori a quello di Taranto. Senza ombra di dubbio poi, il tornado piu’ violento registrato in Italia fu quello che si scateno’ nel 1930 in provincia di Treviso, stimato di grado F5, il massimo della scala Fujita, con venti fino a 500 Km/h. Ovviamente in questo caso si tratto’ di un fenomeno del tutto eccezionale per il nostro paese.

Come vedete, i nostri archivi storici sono ricchi di fenomeni di questo tipo, anche di intensita’ superiori a quelle di Taranto, avvenuti in diverse zone della penisola.

Concludendo, da quanto visto in questo articolo, le condizioni meteo presenti in questi giorni offrivano sicuramente le caratteristiche adatte per la formazione di trombe d’aria. La nostra penisola e’ soggetta a fenomeni di questo tipo e, come visto consultando gli archivi storici, ci sono moltissime testimonianze e documenti che mostrano fenomeni anche piu’ violenti avvenuti negli anni passati. Grazie a queste considerazioni, possiamo smentire l’eccezionalita’ del fenomeno di Taranto e ovviamente ogni possibile connessione con la fine del mondo e con il 21 Dicembre.

Per analizzare i fenomeni attesi per la fine del lungo computo Maya, ma soprattutto per parlare in modo semplice ed accessibile a tutti di scienza, non perdete in libreria “Psicosi 2012. Le risposte della scienza”.

Annunci

10 Risposte to “Tromba d’aria a Taranto”

  1. Fla novembre 29, 2012 a 3:45 pm #

    Salve Matteo,
    Sono pienamente d’accordo sulla non eccezzionalità del caso, c’è da dire che negli ultimi anni se ne sente parlare più spesso di questi fenomeni, ma tutto ciò secondo me è dovuto anche al cambiamento climatico in atto, e questo argomento non è stato assolutamente nascosto da nessuno dato che è da anni che ci avvertono!!

    Inoltre c’è da dire che tutta l’Italia può essere interessata da questi fenomeni, proprio dal mare Adriatico (che molti potrebbero pensare tranquillo in quanto raccolto in una striscia tra Italia paesi dell’Est) circa 2 anni fa si è alzata una tromba d’aria che ha scombussolato mezza Cesenatico (Emilia Romagna), di certo non è quindi da considerare tali eventi come sintomo del 21/12, bensì dei danni che stanno emergendo da inquinamento ecc…

    • Mirko novembre 29, 2012 a 9:12 pm #

      Direi una cosa sola ma se invece del 29 novembre 2012 fosse successo a gennaio 2013 e segno che il famigerato meteorite del 15 febbraio sta arrivando sulla terra……assurdo e poi se non ricordo male non esiste profezia che parli di trombe d’aria…..o terremoti ma si parla sempre di qualcosa che bene o male arrivi dall alto

      • psicosi2012 novembre 29, 2012 a 9:21 pm #

        Verissimo,
        il fatto che sia accaduto ora e’ solo il pretesto per cui si e’ ritornati a parlare di fine del mondo.

        Non ci sono profezie dirette su eventi di questo tipo, ma su molti siti si parla di sconvolgimenti mondiali. Ora e’ chiaro che questo e’ equivalente a mettere le mani avanti. Tutto potrebbe essere uno sconvolgimento mondiale: una tromba d’aria, un terremoto, uno tsunami, un asteroide sulla terra, e tutto cio’ che vi puo’ venire in mente.

        Purtroppo siamo sempre allo stesso punto, ci si approfitta di tutto per spingere il pensiero dove vogliamo.

    • psicosi2012 novembre 29, 2012 a 9:17 pm #

      Salve Fla,
      perfettamente d’accordo. Come si vede nella mappa del NOAA, una vasta area del territorio nazionale e’ soggetta a questo genere di fenomeni.
      Generalmente, la formazione di trombe d’aria e’ relativa al periodo subito prima o subito dopo l’estate, quando cioe’ iniziano ad arrivare correnti calde, nel primo caso, su un terreno freddo o correnti fredde, nel secondo caso, su un terreno riscaldato.
      L’evento di ieri e’ perfettamente comprensibile dal punto di vista climatico. Fino a pochi giorni fa tutti abbiamo avvertito temperature superiori alla media stagionale. Da ieri, tutto il territorio e’ interessato da piogge copiose e brusco calo delle temperature. Queste evidenze sono le cause della tromba d’aria a Taranto.

      Ora, perche’ a fine novembre ci sono ancora temperature cosi’ elevate? Come giustamente dici e’ dovuto al riscaldamento globale e come ancora piu’ giustamente dici nessuno ci ha mai nascosto questa evidenza, tra l’altro percepibile da chiunque.

      A cosa e’ dovuto il riscaldamento? Qui il discorso si fa complicato. La scienza e la meteorologia in particolare non hanno raggiunto una decisione univoca. L’inquinamento sicuramente ha il suo ruolo. Molti parlano anche di variazioni climatiche naturali dovute a cicli terrestri. Dal mio punto di vista, non possiamo puntare il dito contro un solo fattore, ma neanche nascondere l’inquinamento dietro altre concause. Il sistema ambiente e’ estremamente complesso e con capacita’ di adattamento veramente elevate.

      Premesso questo, concordiamo tutti che l’inquinamento e’ una causa certa e su cui solo noi possiamo fare qualcosa. Dovremmo risvegliare in tutti una coscienza che ci consenta di tornare a vivere in simbiosi con il nostro ambiente.

      Grazie mille per l’interessante commento.

      Un caro saluto,
      Matteo

      • Sidus novembre 29, 2012 a 10:31 pm #

        Concordo, l’inquinamento è sicuramente una causa del riscaldamento globale, in particolare la tecnologia in generale, ma stiamo attraversando un periodo in cui questi sacrifici sono necessari, arriveremo però un giorno al punto che la tecnologia diventerà così avanzata da avere un ruolo fondamentale nella ripresa dell’equilibrio terrestre, quello che io chiamo “Equilibrio tecnologico”, chi sa, magari un giorno riusciremo anche a varcare il famigerato limite della velocita della luce, e persino ad intraprendere lunghi viaggi nello spazio…
        Quindi invece di inventare nuove teorie sulla fine del mondo la gente dovrebbe impegnarsi a fare di più per gli altri e aiutare il mondo a diventare un posto migliore 🙂

      • psicosi2012 novembre 29, 2012 a 11:10 pm #

        Per quanto utopistica …. l’ultima frase rappresenterebbe proprio il momento di svolta necessario.

        Se la convinzione di una nuova coscenza ci portasse dopo il 21/12 a migliorare il nostro rapporto con la societa’ e con la natura …. allora ben venga la fine del mondo!

        Purtroppo, forse anche il mio pensiero rimarra’ utopistico 😦

        Molto interessante il discorso dell’equilibrio tecnologico!

        Grazie,
        Matteo

Trackbacks/Pingbacks

  1. Ecoradio: domani dalle 8.30 « psicosi2012 - novembre 29, 2012

    […] – Tromba d’aria a Taranto […]

  2. 2012, la NASA non smentisce? « psicosi2012 - dicembre 1, 2012

    […] – Tromba d’aria a Taranto […]

  3. Come difendersi dalle scie chimiche! « psicosi2012 - gennaio 18, 2013

    […] – Tromba d’aria a Taranto […]

  4. Tromba d’aria in Emilia | psicosi2012 - maggio 4, 2013

    […] – Tromba d’aria a Taranto […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: